guarda i video su

pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2018
.
 
 
 
 

Milano Pride 2018. Violi (M5S Lombardia): imbarazzante la bocciatura al patrocinio regionale

“È una bocciatura che imbarazza la Lombardia. Era un atto utile a offrire un contributo alla crescita e alla consapevolezza sui diritti, la discriminazione e la violenza.
Forza Italia, Lega e FdI sbattono la porta in faccia ai diritti civili, all’accoglienza e alla cultura del rispetto. Su questi temi a Palazzo Pirelli siamo ancora al Medioevo. Eravamo al Bergamo Pride di sabato scorso e il M5S parteciperà alle manifestazioni che si terranno in Lombardia nelle prossime settimane: il rispetto per i diritti di tutti merita sempre il patrocinio”, così Dario Violi, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta la bocciatura dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale al Milano Pride 2018.

Consorzi forestali - Orsenigo (PD): “Grave ritardo: l’assessore Rolfi risolva il problema subito”

“Meno male che il neo assessore regionale all’Agricoltura Rolfi ha fissato il tavolo con i sindacati per il 28 giugno, ma è comunque tardissimo e la situazione dei nostri boschi e sentieri montani è al limite. Ma soprattutto ci sono 300 persone che attendono di sapere se lavoreranno o meno da fin troppo tempo. E questo è gravissimo”, è diretto Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, mentre commenta il rinvio a giugno, da parte di Regione Lombardia, della graduatoria che segue il bando sulle misure forestali e prevede l’assegnazione dei finanziamenti. “Un ritardo ingiustificabile”, aggiunge Orsenigo.

Leggi tutto: Consorzi forestali - Orsenigo (PD): “Grave ritardo: l’assessore Rolfi risolva il problema subito”

M5S Lombardia. Trenord, Regione brancola nel buio

“La risposta di Fontana alla proposta di FS, nel giorno in cui viene votato in consiglio un ODG in cui si chiede alla Giunta di riprendere la trattativa con il futuro Governo per avere maggiori competenze ed autonomia su più temi, tra cui il trasporto, ci lascia basiti.
Oggi apprendiamo della disponibilità della Regione a cedere per intero le quote di Trenord, dichiarazione che contrasta con quella rilasciata alcuni giorni fa in cui invece si paventava l’acquisizione.
È la dimostrazione lampante che la Regione brancola nel buio e non ha ancora le idee chiare dopo anni di gestione disastrosa del servizio ferroviario a spese dei cittadini e che il problema, prima ancora che di governante, è politico perché non si è stati in grado di mettere le persone giuste ai posti di comando”, così Nicola di Marco, consigliere regionale del M5S Lombardia.

De Rosa (M5S Lombardia). Pesticidi, necessario pensarci subito. Rif. Ispra, in Pianura Padana più sforamenti pesticidi

“Siamo molto preoccupati per la massiccia presenza di pesticidi nei suoli della Lombardia. Obiettivo prioritario delle politiche nazionali e regionali deve essere eliminare gli inquinanti dai campi e dai nostri piatto.
Anche la perdita di un bene come l’acqua non può essere sottovalutata. La Pianura Padana, con il cambiamento climatico, è a rischio di desertificazione. O ci pensiamo oggi, oppure domani sarà troppo tardi. Quanto alle disuguaglianza tra regione e regione nelle analisi e nei controlli, saranno appianate anche grazie alla Legge sul sistema nazionale di protezione dell’ambiente, che ho firmato, e che daranno gli stessi strumenti alle Arpa regionali”, così Massimo De Rosa, consigliere regionale del M5S Lombardia.

Al M5S la Commissione Antimafia, Monica Forte eletta Presidente

La consigliera regionale del M5S Lombardia Monica Forte è stata eletta Presidente della Commissione speciale Antimafia di Regione Lombardia.

Forte commenta: “E’ una scelta che premia il grande lavoro del Movimento negli ultimi cinque anni in Commissione Antimafia in particolare modo sulla legge regionale approvata nel 2015.

E’ una commissione che lavorerà sodo, non solo sulla prevenzione delle infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici, ma anche su trasparenza, anticorruzione e diffusione della cultura della legalità, quattro fra i pilastri della proposta politica del M5S.

Giudico molto positiva l’esperienza del passato. Va riproposta la collaborazione con le scuole e le sedute esterne della Commissione sul territorio. L’obiettivo però è implementare il lavoro di elaborazione di risoluzioni e atti di indirizzo politico alla Giunta, insieme al controllo delle attività del Consiglio e del bilancio regionale e a rapporti più stretti con le Prefetture e le Forze dell’Ordine. L’impegno per il contrasto a mafie e corruzione non è mai sufficiente e a tale scopo vogliamo aumentare le audizioni in Commissione di esperti e persone in prima linea nella lotta alle mafie per arricchire il nostro bagaglio di conoscenze e confrontarci sugli strumenti e le strategie da mettere in campo.

Leggi tutto: Al M5S la Commissione Antimafia, Monica Forte eletta Presidente

Violi (M5S Lombardia). Salone Mobile: “finanziamenti vadano a PMI e non a multinazionali”

“Oggi sono al Salone del Mobile con Luigi Di Maio, Alessandra Pesce, Alberto Bonisoli e Stefano Buffagni, un appuntamento importante per Milano e per tutto il Paese, che racconta al mondo l'eccellenza italiana nel settore del design, dell'arredo, dell'artigianalità, della lavorazione e della trasformazione dei materiali. In questo contesto Lombardia è il motore del comparto, con i suoi 7 miliardi di giro d'affari, con le sue 10.126 imprese e con il suo volume di export (Rapporto Federlegnoarredo 2017). E' fantastico parlare con chi rende grande nel mondo il nome dell'Italia e della nostra regione. Non dimentichiamoci che questi numeri sono il prodotto della piccola e media impresa, tradizione del nostro territorio. A noi spetta il compito di sostenerla il più possibile evitando, solo per fare un esempio, che i finanziamenti pubblici finiscano sempre nelle tasche delle multinazionali. Questo sistema deve cambiare, dobbiamo premiare soprattutto le Pmi. Ci batteremo severamente in Consiglio Regionale su questo tema. Abbiamo

Leggi tutto: Violi (M5S Lombardia). Salone Mobile: “finanziamenti vadano a PMI e non a multinazionali”

M5S: Atto indegno tappare la bocca a Salvatore Borsellino

E’ accaduto in provincia di Milano, in una scuola dove Borsellino era stato invitato a parlare. Nell’atto di rispondere alla domanda di uno studente sui rapporti mafia-politica, il relatore è stato bruscamente interrotto dal Preside con la motivazione che “nelle scuole non si deve parlare di politica”.
“Un fatto vergognoso e indegno di un paese civile - è il commento dei consiglieri regionali M5S Luigi Piccirillo e Monica Forte - Togliere la parola a un uomo che ha fatto della cultura antimafia la sua stessa ragione di vita e che porta conoscenza e consapevolezza ai nostri ragazzi nelle scuole è un’azione che non può essere giustificata in alcun modo.
Tanto meno con la pretesa di tenere fuori la politica e la cultura antimafia dalle scuole. Il Preside in questione dovrebbe ricordare che esiste una Legge Regionale, la n. 17 - “Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto della criminalità organizzata e per la promozione della cultura della legalità” che prevede di destinare fondi alla scuola proprio

Leggi tutto: M5S: Atto indegno tappare la bocca a Salvatore Borsellino

Pride trionfo dell'accoglienza, Fontana sbatte la porta in faccia ai diritti civili

“Fontana sbatte la porta in faccia ai diritti civili. Il pride è una manifestazione che accoglie, integra e diffonde la cultura del rispetto per tutte e tutti. Dopo l’orribile sparata sulla razza bianca Fontana nega quello che in una regione all’avanguardia dovrebbe essere un patrocinio dovuto. Fontana, come altri Presidenti, farebbe bene a partecipare alla manifestazione insieme a migliaia di lombardi che chiederanno uguaglianza, diritti e libertà.
La sua è una scelta antistorica,

Leggi tutto: Pride trionfo dell'accoglienza, Fontana sbatte la porta in faccia ai diritti civili

Giunta, Violi (M5S): Nessun assessore per Mantova, Cremona e Como. Territori dimenticati da Fontana e il centro destra.

"Province dimenticate nella grande spartizione delle poltrone della nuova Giunta regionale. Territori con grandi problemi irrisolti, dalla ricostruzione post sisma alle carenze infrastrutturali, tangenziali, manutenzione delle strade esistenti nel caso di Mantova, alla concentrazione di discariche, inceneritori e impianti a grande impatto ambientale che minacciano la salute dei cittadini nel territorio di Cremona, il ponte di Casalmaggiore, eternamente chiuso che mette in difficoltà negli spostamenti lavoratori e cittadini di entrambe le province, fino ai problemi di trasporto su ferro comuni ai due territori. Anche Como e provincia, dove certamente non mancano le situazioni critiche, basti pensare all'odissea delle paratie del lungolago, non avranno un rappresentante nella giunta regionale.

Leggi tutto: Giunta, Violi (M5S): Nessun assessore per Mantova, Cremona e Como. Territori dimenticati da...

Brescia - non è possibile attendere oltre: il presidente Mottinelli indica il referendum provinciale per l’acqua pubblica!

Siamo dunque giunti a marzo ed ancora il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, rifiuta pervicacemente di adempiere al proprio dovere istituzionale e di applicare quanto previsto dallo Statuto provinciale e dal Regolamento dei Referendum

A stretto rigore, l’osservanza delle disposizioni regolamentari oggi vigenti imporrebbe che entro il 30 marzo il Presidente emani il tanto sospirato Decreto di indizione del Referendum consultivo provinciale sull’acqua pubblica. Un passaggio che, a ben vedere, sarebbe assolutamente obbligato: il nostro Comitato ha depositato nei termini previsti la richiesta di convocare un referendum in merito ad un quesito chiaro ed univoco riguardante la gestione del servizio idrico integrato, ben cinquantacinque Consigli Comunali – in rappresentanza di altrettante comunità locali del territorio provinciale – hanno deliberato formalmente la propria adesione a tale iniziativa, la Commissione di Garanzia nominata dalla Provincia ha all’unanimità riconosciuto ammissibile tale quesito e legittima la procedura intrapresa, il Consiglio Provinciale, nel corso dell’ultima sua assemblea dell’anno 2017, ha preso atto di tale pronuncia di ammissibilità.

Soltanto l’ostinata indifferenza frapposta dal Presidente Mottinelli e il perdurare del suo inadempimento impediscono ormai ai cittadini bresciani di esprimere il proprio parere circa la forma con la quale dovrà essere gestita per i prossimi trent’anni la risorsa più importante e vitale che la natura ci regala: l’acqua.

Leggi tutto: Brescia - non è possibile attendere oltre: il presidente Mottinelli indica il referendum...

Le risposte dei candidati all’appello lanciato dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”

Elezioni Regionali: 2 candidati presidenti e alcuni candidati locali aderiscono al decalogo “ambientale”
Le adesioni di Gatti (Sinistra) e Violi (M5S) per le rispettive coalizioni, più candidati locali di: LeU, Lista Insieme per Gori, M5S

LOMBARDIA – Due candidati presidenti, a nome delle rispettive coalizioni, più alcuni candidati consiglieri, hanno aderito con convinzione al decalogo “ambientale” proposto nelle scorse settimane dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, associazione che da 28 anni agisce sul territorio comasco, lecchese e della Brianza a tutela dell’ambiente.  
Le adesioni, valide per i rispettivi partiti, sono arrivate direttamente da (in ordine alfabetico): Massimo Gatti (Sinistra per la Lombardia) e Dario Violi (Movimento 5 Stelle).
Hanno poi aderito i seguenti candidati locali:
Daria Doria, Alberto Buccino, Ida Angela Sala, Gianluca Leo, Licia Viganò, Guido Rovi, candidate e candidati di Liberi e Uguali in prov. Como
Sonia Corrado, candidata del Movimento 5 Stelle in prov. Como
Luca D’Achille, candidato della Lista Insieme per Gori in prov. Lecco

Con l'appello/decalogo, il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” ha chiesto ai candidati al Pirellone di dimostrare il loro impegno a favore della tutela del territorio e dell’ambiente naturale, ma anche per la salute e i diritti. Gli impegni chiesti sono 10 punti, attraverso i quali i candidati si sono dichiarati a favore o meno delle proposte ambientaliste.

Leggi tutto: Le risposte dei candidati all’appello lanciato dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”

Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”-Elezioni Regionali: un decalogo “ambientale” per i candidati al Pirellone “Chiediamo 10 impegni per l’ambiente, il paesaggio, la salute, i diritti”

LOMBARDIA – Un decalogo “ambientale” per i candidati alle elezioni Regionali della Lombardia. A proporlo è il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”, associazione che da 28 anni agisce sul territorio comasco, lecchese e della Brianza a tutela dell’ambiente.  
Con l'appello/decalogo, gli ambientalisti chiedono a tutti i candidati al Pirellone di dimostrare il loro impegno a favore della tutela del territorio e dell’ambiente naturale, ma anche per la salute e i diritti. E lo fanno sottoponendo a loro 10 punti, attraverso i quali i candidati posso dichiararsi a favore o meno delle proposte ambientaliste.

Questi i punti del decalogo predisposto dal Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”:

TERRITORIO - consumo di suolo zero:
rivedere i contenuti della Legge Regionale sul consumo di suolo, allo scopo di non permettere ulteriori edificazioni e di cancellare nei PGT le previsioni edificatorie non attuate;  
nel contempo incentivare la ristrutturazione e la riqualificazione energetica degli edifici esistenti e delle aree dismesse;  stop a nuovi centri commerciali e all’ampliamento degli esistenti;   interventi per la prevenzione del dissesto idrogeologico

AMBIENTE NATURALE - tutela assoluta Parchi, aree protette e paesaggio:
salvaguardia assoluta dei Parchi e delle aree protette;  politiche di tutela e valorizzazione del paesaggio naturale come valore ambientale e culturale

LAGHI e FIUMI - salvaguardia di laghi e corsi d’acqua:
tutela e disinquinamento delle acque superficiali dei laghi, dei fiumi e dei reticoli idrici;  preservazione delle aree golenali

QUALITA’ DELL’ARIA - contenimento dell’inquinamento atmosferico:
adottare un Piano di emergenza per il risanamento della qualità dell’aria, in particolare attraverso politiche di mobilità sostenibile, di efficientamento energetico degli edifici e di contenimento dell’inquinamento industriale

Leggi tutto: Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”-Elezioni Regionali: un decalogo “ambientale” per i candidati al...

Comitato Pendolari Como/Lecco- incidente Pioltello-Auspichiamo che le cause dell’incidente siano presto chiarite

Noi, rappresentanti dei Comitati dei viaggiatori del trasporto ferroviario lombardo, ci uniamo in una comunicazione che vuole portare il cordoglio più profondo alle vittime del tragico incidente ferroviario del 25 gennaio 2018 sulla linea Cremona-Milano, all’altezza di Pioltello Limito e alle loro famiglie. Sono notizie che mai avremmo voluto leggere e vedere. Come le vittime, tutti noi siamo lavoratori e studenti che ogni mattina e ogni sera si affidano al servizio regionale di trasporto ferroviario per raggiungere le sedi delle proprie attività. Come loro, lo facciamo affidando il nostro tempo e le nostre vite a chi deve assicurarsi di fornire un servizio di trasporto all’altezza: sicuro, dignitoso, puntuale. Auspichiamo che le cause dell’incidente siano presto chiarite in ogni loro sfumatura e che si prendano tutte le misure del caso, perché una tragedia di questo tipo non si verifichi mai più sulla rete ferroviaria regionale della Lombardia, così come su tutte le altre direttrici ferroviarie italiane. Confidiamo in tutte le istituzioni, a ogni livello, e in tutte le aziende coinvolte, perché finalmente si possa raggiungere un livello di qualità, manutenzione e sicurezza che non sempre – neppure in Regione Lombardia – è stato sempre disponibile.

Leggi tutto: Comitato Pendolari Como/Lecco- incidente Pioltello-Auspichiamo che le cause dell’incidente siano...

Treno deraglia a Pioltello - le dichiarazioni politiche in regione:

Cs. Violi (M5S Lombardia). Incidente treni: Non si può morire da pendolare
“Sono senza parole. Non si può morire da pendolare. Il mio cordoglio va alle famiglie delle vittime dell'incidente ferroviario avvenuto stamattina alle porte di Milano.
Indipendentemente dalle cause e responsabilità, che devono essere accertate al più presto, è inevitabile una riflessione urgente sullo stato di linee ferroviarie regionali  da Terzo Mondo alla luce di decenni di tagli, mancati investimenti in manutenzione e ammodernamento delle linee”, così Dario Violi candidati presidente del M5S Lombardia.


TRAGEDIA FERROVIARIA - MASSIMO GATTI: «CORDOGLIO PER LE VITTIME. ORA SUBITO CHIAREZZA E INVESTIMENTI NELLE INFRASTRUTTURE».

Dichiarazione di Massimo Gatti – candidato Presidente della Regione Lombardia alle elezioni del 04 marzo 2018 per la lista “SINISTRA PER LA LOMBARDIA” in merito alla tragedia ferroviaria avvenuta oggi a Pioltello.
«Il primo pensiero va alle vittime e ai feriti di questa assurda tragedia e ai loro cari, a cui va il mio più sincero cordoglio. Morire sul lavoro, morire per andare a scuola o al lavoro: quanto sta accadendo a Milano in questi giorni non è più tollerabile. Oggi è il giorno del silenzio, del cordoglio e dei soccorsi, ma è urgente fare chiarezza su quanto accaduto e su incidenti avvenuti in precedenza, per impedire nuove tragedie. Da tempo ho chiesto in ogni sede, anche con precisi atti amministrativi, investimenti per la sicurezza e il potenziamento del trasporto pubblico, in particolare su ferro. Investimenti troppo spesso dirottati su opere inutili e dannose. Si eviti ora il triste spettacolo dello scaricabarile delle responsabilità e si rendiconti invece ciò che è stato fatto per garantire sicurezza e decoro ai cittadini, ai lavoratori, agli studenti, che ogni giorno utilizzano un servizio pubblico essenziale".
Questa la dichiarazione di Massimo Gatti, candidato alla presidenza della Regione per Sinistra per la Lombardia, dopo la tragedia ferroviaria di Pioltello questa mattina».
Milano, 25/01/2017

 

 

INCENDI RIFIUTI: PRC /SE_LOMBARDIA: «da regione Lombardia solo segnali di fumo». Incendi e diossina – la mala gestione dei rifiuti produce danni alla salute e all’ambiente

Si fanno più affari con i rifiuti che con la droga, è una delle frasi intercettata dagli inquirenti nelle indagini sul traffico di rifiuti non trattati e che avevano portato la scorsa estate all’arresto di tre manager, altri dirigenti indagati e sequestri di impianti collegati. L’inchiesta era partita da Brescia e ha interessato impianti di A2A oltre che siti di altre piccole società di intermediazione. Ma non è tutto, ci sono altri evidenti segnali di mala gestione che provengono da ben una decina di incendi che si sono verificati in provincia di Pavia nei mesi scorsi. Il più grave a settembre, in un colossale deposito della ditta Eredi Berté a Mortara (dieci giorni di impegno dei vigili del fuoco per spegnere le fiamme), il più recente a Corteolona (3 gennaio) dove sono andati in fumo i rifiuti abusivamente compattati all’interno di un capannone abbandonato. In quest’ultima occasione l’ARPA ha segnalato l’emissione di diossine quaranta volte superiore alla soglia indicata dall’OMS.

Leggi tutto: INCENDI RIFIUTI: PRC /SE_LOMBARDIA: «da regione Lombardia solo segnali di fumo». Incendi e...