pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

guarda i video su

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2017
.
 
 
 
 

“L’Ontano” - Parco Valle Lambro “un volantino contraffatto, fraudolento e manipolato”

La nostra Associazione da sempre segue con la massima attenzione gli interventi fatti dal Parco Valle Lambro (che sarà chiamato in seguito Parco) e dell'Amministrazione
Comunale per tutelare la Riserva. Senza ombra di dubbio si può affermare che la situazione è molto complessa e di difficile lettura, soprattutto dopo la tardiva posa dei
cartelloni, il loro riposizionamento con le dovute correzioni e la comunicazione del Parco della data in cui sarebbero scattate le sanzioni sui comportamenti scorretti che però non sono mai state date.
La vicenda è diventata ancora più complessa con la comparsa di alcuni “volantini” con un destinatario e con la firma del Direttore del Parco, definiti dal Parco stesso nella sua denuncia presentata alla Procura della Repubblica del Tribunale di Como e come riportato nel loro comunicato stampa “un volantino contraffatto, fraudolento e manipolato” distribuito da ignoti nella zona del “parcheggio” del Lido, che però hanno rivelato l'esistenza di un documento ufficiale, firmato dal Direttore del Parco, di difficile lettura e interpretazione che va a complicare ulteriormente l'applicazione della normativa vigente (risalente al 2012) la cui stesura è costata a noi tutti una cifra ragguardevole.

Leggi tutto: “L’Ontano” - Parco Valle Lambro “un volantino contraffatto, fraudolento e manipolato”

PUSIANO/ROGENO - “Meno infrastrutture per il turismo, più tutela ambientale” - Le associazioni ambientaliste intervengono

PUSIANO/ROGENO  -  “Meno infrastrutture per il turismo, più tutela ambientale”. E’ questa la reiterata richiesta delle nostre due associazioni ambientaliste a fronte delle ultime notizie che vedono per protagonista le sorti del lago di Pusiano. 
Nelle ultime settimane si è letto sulla stampa di nuovi protocolli e progetti per la promozione turistica del lago di Pusiano,  come ad esempio dell’“ennesimo piano di rilancio turistico per il territorio erbese” cioè il progetto “cultura e natura per un turismo sostenibile”. Questo piano è stato criticato da alcuni membri che aderiscono a “Green Lands”. A loro volta questi progetti si sovrappongono alla “Conferenza Permanente del lago” composta dai  sette comuni rivieraschi, dal Parco Valle Lambro e dall’Autorità di Bacino del Lario e Laghi Minori. Il tutto assomiglia a un “assalto” ai finanziamenti, dove gli stessi enti si ritrovano paradossalmente in progetti diversi e in competizione tra loro.
Si è discusso anche di alcune nuove opere che interessano il lago, come ad esempio i nuovi lavori al pontile di attracco a Casletto di Rogeno, che ha comportato addirittura il dragaggio del fondo del lago!
E poi ancora si parla di un progetto in località Comarcia, che prevede interventi di recupero ambientale, realizzazione di strutture per la fruizione e per lo sviluppo e la ricerca ittica.
E infine a proposito del Lido di Moiana, leggiamo che “qui ci sarà una spiaggia dove prendere il sole, poi canoe, pedalò e tutti i servizi legati al lago”.
Tutto questo senza dimenticare la pessima vicenda ancora aperta della Casa dei Pescatori a Pusiano, o le “battaglie navali” dell’anno scorso, o le piattaforme galleggianti, le 28 postazioni di pesca con alcune di esse in zona di tutela faunistica.
Le nostre associazioni sono allarmate da questi nuovi progetti. Secondo noi la priorità per il lago di Pusiano NON è lo sviluppo turistico, bensì la TUTELA AMBIENTALE. Infatti il lago di Pusiano, piaccia o non piaccia, è un’area naturalistica protetta (SIC, ovvero Sito di Importanza Comunitaria), la cui missione principale è la tutela delle risorse naturali e non la vendita di servizi turistici come, purtroppo, pare stia avvenendo. Un SIC è un’area tutelata da direttive comunitarie e nasce per il mantenimento della biodiversità.
Il Piano di Gestione del SIC, redatto dal Parco Valle Lambro, ha individuato due zone speciali di tutela faunistica che corrispondono alle aree di canneto in località Comarcia e al Cavo Diotti, zone che saranno interessate dalle nuove attività turistiche.  

Leggi tutto: PUSIANO/ROGENO - “Meno infrastrutture per il turismo, più tutela ambientale” - Le associazioni...

PETIZIONE PER UN TURISMO SOSTENIBILE NEL SIC LAGO DI PUSIANO

AI SINDACI DEI COMUNI DI BOSISIO PARINI, CESANA B.ZA, ERBA, EUPILIO, MERONE, PUSIANO, ROGENO
AL PRESIDENTE DEL PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO
AL PRESIDENTE DELL’AUTORITÀ DI BACINO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI
ALLE PROVINCE DI COMO E LECCO, PARCHI E AREE PROTETTE
ALLA REGIONE LOMBARIA DG AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE
PREMESSO
che i sottoscritti cittadini
1) fanno propri gli obiettivi fondanti della Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS) che prevede
 il miglioramento della conoscenza e del sostegno alle aree protette quali elementi fondamentali del nostro patrimonio, che devono poter essere salvaguardati e tutelati per le generazioni presenti e future;
 il miglioramento dello sviluppo sostenibile e la gestione di un turismo che tenga conto delle necessità dell’ambiente, della comunità, delle imprese locali e dei visitatori;
2) rilevano un aumento della pressione antropica nel SIC Lago di Pusiano che rischia di deteriorare i delicati equilibri del suo ecosistema con conseguente perdita di biodiversità non solo paesaggistica, botanica, zoologica ma anche storico‐culturale, che va doverosamente contrastata;
3) ritengono l’attuale gestione della fruizione e lo sviluppo dei modelli di turismo nel SIC Lago di Pusiano poco attenti a evitare attività impattanti e inconciliabili con l'area tutelata, come ad esempio la mancata segnalazione delle aree vietate nei periodi di massimo disturbo della fauna.
CHIEDONO

Leggi tutto: PETIZIONE PER UN TURISMO SOSTENIBILE NEL SIC LAGO DI PUSIANO

Venerdì 11 dicembre a Bosisio l'incontro "Turismo sostenibile nel Lago di Pusiano"

L'incontro si terrà presso il Centro Studi G. Parini a Bosisio Parini

BOSISIO PARINI – Si terrà venerdì 11 dicembre alle ore 20,45 presso il Centro Studi G. Parini di Bosisio (via A. Appiani n. 10) l'incontro pubblico dal titolo "Turismo sostenibile nel SIC Lago di Pusiano". L'appuntamento è promosso da molte associazioni che operano nel territorio: Canoa Club Bosisio Parini, Circolo Ambiente Ilaria Alpi, WWF Insubria, WWF Lecco, Centro Ricerche Ornitologiche Scanagatta di Varenna. Il Comune di Bosisio ha dato il patrocinio all'iniziativa.
Interverranno il dott. Pietro Gatti, responsabile Servizio Agricoltura della Provincia di Lecco, e il dott. Mattia Brambilla, naturalista; modera Arturo Binda, educatore ambientale. Durante la serata verrà inoltre la proiezione di un documentario sul lago a cura di Cosimo Pilotto.  
L'obiettivo dell'incontro di venerdì è quello di avviare una discussione e un confronto sulla tutela del lago, tramite una differente strategia di protezione e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale nel SIC del Lago di Pusiano.  Secondo le associazioni promotrici occorre pensare a una più precisa regolamentazione delle attività turistiche ospitate e ospitabili nell'ambiente naturale che, nel momento in cui si trasformano in attività di massa, possono diventare dannose per la salvaguardia dell'area protetta.
L'incontro è aperto a tutti; sono stati invitati i Sindaci e i Consiglieri dei Comuni rivieraschi, l'Autorità di Bacino del Lario e dei Laghi Minori, il Parco Regionale della Valle del Lambro, le Province di Como e di Lecco, la Regione Lombardia.

Canoa Club Bosisio Parini
Circolo Ambiente Ilaria Alpi
WWF Insubria
WWF Lecco
Centro Ricerche Ornitologiche Scanagatta - Varenna

Bosisio P.,  9 dicembre 2015

In data 11 Aprile 2015 sono state pubblicate sul giornale " La provincia" delle affermazioni prive di ogni fondamento da parte del Sindaco e Assessore di Pusiano nei confronti del Sindaco di Merone.

La sezione ANPI Erbese “Luigi Conti” vuole sottolineare il proprio disappunto per il vile attacco mediatico
rivolto dal sindaco di Pusiano, sig. Maspero, e dal suo assessore, sig. Colzani, nei confronti della nostra
associazione, nonché al sindaco di Merone, sig. Vanossi, attraverso l’articolo pubblicato su “La Provincia” di
Como lo scorso sabato 11 aprile 2015. Tale attacco merita da parte nostra una risposta per denunciare la totale
ignoranza dei fatti e la sterile propaganda revisionista dei citati amministratori. Nel succitato articolo, in
particolare, si usano in modo inappropriato termini (pacificazione) e immagini (stella comunista) di cui si
ignora il significato.

Leggi tutto: In data 11 Aprile 2015 sono state pubblicate sul giornale " La provincia" delle affermazioni prive...

Il tunnel di Pusiano, inutile e dannoso, verrà mai ultimato?

Dopo l’inaugurazione del nuovo cantiere, il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi”  replica all’assessore regionale alle Infrastrutture

Il tunnel di Pusiano, inutile e dannoso, verrà mai ultimato?

Roberto Fumagalli: “Chi semina asfalto raccoglie traffico: non servono nuove strade ma interventi sulla mobilità”

PUSIANO (CO) –  “C’è la certezza che il tunnel di Pusiano, inutile e dannoso, venga mai ultimato?”. È questo il quesito che il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” pone ai politici intervenuti mercoledì 6 novembre all’inaugurazione del nuovo cantiere.
Inoltre il Circolo replica all’assessore regionale alle Infrastrutture, Maurizio Del Tenno, che, intervenuto all’inaugurazione del cantiere, ha criticato gli ambientalisti contrari alla nuova opera stradale.

Leggi tutto: Il tunnel di Pusiano, inutile e dannoso, verrà mai ultimato?

Il Tunnel di Pusiano non s’ha da fare!

Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” contesta il progetto della galleria a Pusiano

Il Tunnel di Pusiano non s’ha da fare!

Roberto Fumagalli: “Il tunnel devasterà l’ambiente e le casse pubbliche, per un costo di 25 mila euro al metro!”

PUSIANO (CO) “Il tunnel di Pusiano rischia di devastare l’ambiente e di dilapidare le casse pubbliche, visto che costerà 25 mila euro al metro!” Così il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” torna a contestare lo scellerato progetto per il nuovo tracciato stradale che prevede la realizzazione della galleria che dovrebbe servire a by-passare l’abitato di Pusiano

Leggi tutto: Il Tunnel di Pusiano non s’ha da fare!