guarda i video su

pubblica direttamente tu su

diventa un collaboratore

 

 

 Mercati CortoBio 

Tutti i sabati presso il Parco dei "Comboniani" a Como-Rebbio, dalle 8 alle 12, è allestito il "CortoBio", il mercato dei produttori biologici e locali (via Salvadonica 3)
 

 

 

 

 

 

 

 Il Parlamento indaghi sull'omicidio Pasolini

Salviamo le api

 

 

 

 

 

sfoglia la bacheca su

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 Tesseramento 2018
.
 
 
 
 

Como-mostra Minerali Clandestini il comune ritira patrocinio- le associazioni: "noi corretti!"

In merito al mancato patrocinio del Comune di Como alla mostra “Minerali Clandestini – il vero volto del tuo smartphone”, esposta in città dal 18 al 25 ottobre 2017 (presso il Centro pastorale Cardinal Ferrari e la chiesa di San Giacomo), dopo quanto dichiarato dalla vice-sindaco e assessore ai servizi sociali Alessandra Locatelli in sede di Consiglio Comunale in data 5 febbraio 2018, a tutela della correttezza e dell’onorabilità degli organizzatori della mostra (per i quali, alcuni titoli di stampa, hanno parlato di “sfruttamento” senza autorizzazione del logo del Comune) si ritiene opportuno precisare quanto segue. La richiesta di patrocinio era stata presentata dai promotori della mostra con largo anticipo (primavera 2017 per il successivo autunno).
In data 18 settembre 2017, alle ore 8.20, dal settore cultura del Comune di Como (l’indirizzo del mittente è quello istituzionale con dominio @comune.como.it) è stata inviata all’indirizzo di posta elettronica di una dei referenti della mostra (e in copia conoscenza a un altro indirizzo istituzionale @comune.como.it) la mail che riportiamo integralmente: «Buongiorno, come da accordi, trasmetto in allegato la delibera di patrocinio n.659 del 12/09/2017, approvata nella seduta di giunta del 12/09. La delibera è firmata digitalmente.. Sempre in allegato le trasmetto il logo del comune da inserire con la dicitura con il patrocinio di. Restiamo in attesa delle bozze grafiche per approvazione e del comunicato stampa + qualche immagine per la pubblicazione della notizia sul portale istituzionale del comune. Cordiali saluti».

Solo in seguito a questa mail sono stati preparati volantini, locandine e brochures con il logo del Comune di Como, inviati alla stessa mail dell’Ufficio cultura per approvazione. Ufficio che il 19 settembre 2017, alle ore 9.43, così risponde: «Buongiorno Il logo è inserito correttamente. Potete procedere con la stampa. Restiamo in attesa del comunicato stampa + qualche immagine per la pubblicazione della notizia sul portale istituzionale del comune. Cordiali saluti».
Quando ormai il materiale era stato stampato (uscito, per una sola volta, anche su “Il Settimanale della Diocesi”, in data 28 settembre) è giunta una nuova comunicazione che informava del fatto che il patrocinio non era stato concesso. Immediatamente si è provveduto a ritirare quanto già divulgato. E’ seguita una serie incessante di tentativi di incontro con le autorità comunali per comprendere il perché di questa scelta (una richiesta di incontro, rimasta senza risposta, è stata inviata al sindaco il 5 ottobre 2017).
Quando è stato evidente che non era possibile instaurare un dialogo con il Comune gli organizzatori hanno provveduto a oscurare il logo istituzionale e a toglierlo da tutto il materiale che è stato pubblicato, stampato e distribuito in seguito.
Sembra dunque quanto mai inopportuno imputare agli organizzatori della mostra un uso improprio dello stemma del Comune di Como «senza averne diritto» (come riportato da alcuni organi di stampa), paventando un’eventuale sanzione, visto che tutta l’operazione è stata condotta attenendosi alle informazioni ricevute.
Gli organizzatori della mostra a Como, realizzata dall’Associazione nazionale Chiama l’Africa, sono: AIFO Como, Asci Don Guanella, Caritas Diocesana di Como, Centro Missionario Guanelliano, Centro Missionario Diocesano, Coordinamento Comasco per la Pace, Medici con l’Africa Como onlus, Cooperativa Garabombo. Tutti soggetti che hanno nella correttezza, nel rispetto della dignità delle persone, nella trasparenza la ragione delle proprie azioni.

Gli organizzatori restano disponibili ad un incontro con le istituzioni cittadine.

0
0
0
s2sdefault